🔴🔴 Omicidio di Cologne, fermato meccanico 53enne: avrebbe ucciso per 50mila euro di debito

Il delitto sarebbe maturato nell'ambito di una questione "privata" e la criminalità organizzata non c'entrerebbe, a differenza di quanto avevano fatto pensare le modalità dell'omicidio. Ma le indagini proseguono

0
Carabinieri, foto da Carabinieri
Carabinieri, foto d'archivio da Carabinieri (non si riferisce direttamente all'articolo in questione)

Un meccanico 53enne di Palazzolo è accusato di essere l’autore dell’omicidio del 40enne kosovaro ritrovato lunedì, carbonizzato, nel bagagliaio dell’auto di proprietà del fratello nelle campagne di Cologne.

“I Carabinieri del Comando Provinciale di Brescia – spiega una nota dell’Arma – hanno dato esecuzione a un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Brescia nei confronti di un cittadino italiano, indagato per i reati di omicidio aggravato dalla premeditazione, distruzione di cadavere e detenzione illegale di armi”.

“Il delitto, per come ricostruito nelle immediate ore successive all’evento delittuoso – continua il testo – sarebbe maturato nell’ambito di dissidi di natura economica tra l’omicida (debitore) e la vittima (creditore)”.  Stando a quanto si apprende, il presunto assassino – proprietario di una officina e in difficoltà economica – avrebbe dovuto restituire 50mila euro alla vittima. Non avendo il denaro, di fronte alle minacce dell’altro, avrebbe deciso quindi di “risolvere” la questione organizzando l’omicidio.

Dunque il delitto sarebbe maturato nell’ambito di una questione “privata” e la criminalità organizzata non c’entrerebbe, a differenza di quanto avevano fatto pensare le modalità dell’omicidio (l’uomo era stato imbavagliato e legato, poi ucciso con la pistola e infine bruciato). Resta da chiarire, però, la questione del prestito e dei tassi pagati da chi lo ha ricevuto, tanto più alla luce dei precedenti della vittima.

Le indagini – anche con il supporto della Direzione Distrettuale Antimafia – proseguono per chiarire la dinamica, ovviamente “nel rispetto del principio di presunzione di innocenza dell’indagato”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome