Palazzolo, il comune si fa carico dei debiti per salvare le piscine

Al momento le piscine sono state affidate alla società Spazio Sport Alzano fino al 2023

0
piscina affogare bambino
Bambino in piscina - foto da Pixabay

Nuovo capitolo nella vicenda che riguarda il centro natatorio di Palazzolo sull’Oglio.

Nell’ultimo consiglio comunale si è resa nota – lo ha fatto l’assessore al bilancio Matteo Gatto – la decisione da parte dell’amministrazione comunale di farsi carico del pesante debito rappresentato dall’estinzione del mutuo delle piscine di piazzale Kennedy.

Durante la scorsa primavera l’Istituto del Credito Sportivo aveva informato il Comune di Palazzolo che il gestore era stato dichiarato decaduto dal beneficio del termine. Il privato non aveva pagato alcune rate del mutuo (uno dei tre) da estinguersi nel 2056. L’ istituto di credito aveva chiesto l’escussione della fideiussione garantita dal Comune, pari a circa 5,6 milioni di euro.

Il mutuo contratto con l’Istituto del Credito sportivo è stato rinegoziato e dovrà essere  pagato per 25 anni, fino al 2047, con una rata semestrale da 164mila euro.

Voi è poi un debito con Bpm di 700mila euro da saldare in 15 anni con 30 rate da 28.000 euro ciascuna e un terzo mutuo ancora da discutere.

Al momento le piscine sono state affidate alla società Spazio Sport Alzano fino al 2023.

 

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome