Cena con funghi chiodini “vecchi”, coppia in ospedale

I funghi chiodini contengono una sostanza tossica termolabile che si inattiva ad una temperatura superiore ai 65 gradi ed è idrosolubile

0
Funghi chiodini, foto da Pixabay

Anche i funghi commestibili se non adeguatamente trattati possono rivelarsi pericolosi per l’organismo umano.

Lo ha imparato a proprie spese una coppia Cremonese, che nei giorni scorsi è finita al pronto soccorso dopo una cena a base di funghi chiodini. I due pare avessero raccolto i funghi e – lo rivela La provincia di Cremona – li avevano conservati in freezer. Qualche ora dopo la cena, però, sono iniziati i guai: entrambi hanno accusato dolori addominali e disturbi intestinali che li hanno costretti a rivolgersi all’ospedale dove sono stati sottoposti ad una lavanda gastrica.

Secondo quanto riferiscono gli esperti, anche per il consumo del fungo chiodino, il cui nome scientifico è Armillaria mellea, sono necessari alcuni importanti accorgimenti.

I funghi chiodini contengono una sostanza tossica termolabile che si inattiva ad una temperatura superiore ai 65 gradi ed è idrosolubile. È necessario quindi che il consumo avvenga solo dopo aver bollito i funghi per almeno 15 minuti, ma che non venga  ingerita l’acqua di cottura.

È importante poi eliminare il gambo del fungo chiodino ed evitare il consumo di esemplari “datati”.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome