🔴 Omicidio Carol Maltesi, fu uccisa per sgozzamento: poteva essere salvata

Secondo i medici, a ucciderla non sarebbero state le martellate, ma - come indicherebbero le infiltrazioni emorragiche riscontrate - il decesso sarebbe da ricondurre alla lesione al collo. Se prima di questa fosse stato richiesto l'intervento dei soccorsi, probabilmente, la 26enne avrebbe potuto sopravvivere (se pure, con probabilità, riportando lesioni permanenti).

0
Carol Maltesi, foto d'archivio

Secondo i medici, a ucciderla non sarebbero state le martellate, ma – come indicherebbero le infiltrazioni emorragiche riscontrate – il decesso sarebbe da ricondurre alla lesione al collo. Se prima di questa fosse stato richiesto l’intervento dei soccorsi, probabilmente, la 26enne avrebbe potuto sopravvivere (se pure, con probabilità, riportando lesioni permanenti).

Fontana ha poi depezzato il corpo, lo ha congelato, ha cercato di bruciarlo e infine ha cercato di scarnificarlo. Davide Fontana è chiamato a rispondere di omicidio aggravato, distruzione e occultamento di cadavere.

Decisiva per imprimere una prima svolta al caso, lo ricordiamo fu l’inchiesta giornalistica del direttore di BsNews Andrea Tortelli, che identificò la vittima e chattò con l’assassino, che si spacciava per la vittima. Poche ore dopo – allarmato dai primi articoli di giornale che riprendevano quanto pubblicato da BsNews.it – Fontana si presentò spontaneamente in caserma per denunciare la scomparsa di Carol: ne uscì in manette.

 

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome