🟢 Adamello, arte e scienza insieme per raccontare il grido di dolore del ghiacciaio che si scioglie

Il progetto è stato ideato nel 2020 dal ricercatore e sound artist Sergio Maggioni per monitorare le implicazioni del cambiamento climatico sui ghiacciai alpini

0
ghiacciaio - foto makabera da pixabay
ghiacciaio - foto makabera da pixabay

Martedì 13 dicembre, alle ore 9:30, presso l’Aula Consiliare di Ingegneria in via Branze 38, l’Università degli Studi di Brescia, grazie al sostegno di Enel Green Power e con il patrocinio del CAI di Brescia, del Parco dell’Adamello, del Comitato Glaciologico Italiano e della Società Idrologica Italiana, presenta la giornata di studio del progetto “Un suono in estinzione-Preserving the Sound of Alpine Glaciers”, ideato nel 2020 dal ricercatore e sound artist Sergio Maggioni e volto alla sensibilizzazione del patrimonio dei ghiacciai alpini.

Si tratta di un progetto di ricerca sperimentale mirato a monitorare le implicazioni del cambiamento climatico sui ghiacciai alpini attraverso un’esplorazione sonora degli ambienti naturali a rischio, declinata in attività divulgative, artistiche e scientifiche. L’iniziativa si propone di documentare e monitorare i fenomeni acustici che avvengono sui ghiacciai alpini, fenomeni che il cambiamento climatico contribuisce a manifestarsi con sempre maggior frequenza e che rappresentano un segnale dei rapidi mutamenti in corso in quelle aree. Non serve andare lontano per rendersi conto dei mutamenti ambientali derivati dal cambiamento climatico in atto nei nostri territori: i ghiacciai alpini continuano ad assottigliarsi sempre più, schiacciati dal peso crescente della crisi climatica in corso.

I ghiacciai non sono solo un’attrazione turistica ma ricoprono un ruolo fondamentale negli equilibri dei cicli naturali e per l’approvvigionamento energetico e idrico. Le precipitazioni nel gruppo montuoso dell’Adamello alimentano sul versante della Valle Camonica e su quello trentino uno dei principali sistemi idroelettrici dell’arco alpino e una delle principali fonti di energia rinnovabile del nostro paese. Non solo il volto dei ghiacciai muterà col tempo, ma anche il suono della loro voce si affievolirà lentamente.

Nasce da questa idea il progetto artistico-scientifico “Un suono in estinzione” che nell’estate 2021 e 2022 ha permesso di acquisire, calando nel ventre del Ghiacciaio dell’Adamello microfoni bio- e geo-acustici, registrazioni di segnali sonori utili anche a scopo di ricerca.

“Il progetto è particolarmente affascinante – dichiara il Prof. Roberto Ranzi, Ordinario di Costruzioni idrauliche e marittime e idrologia e responsabile scientifico del progetto per l’Università degli Studi di Brescia – perché coniuga arte e scienza. I suoni registrati da Sergio Maggioni e i suoi collaboratori sono, oltre che suggestivi ed emozionanti, particolarmente utili per individuare le fasi temporali e l’intensità dei flussi di fusione del ghiacciaio dell’Adamello. Permettono di calibrare i parametri dei nostri modelli matematici con i quali simuliamo l’idrologia del ghiacciaio e l’impatto delle variazioni dei deflussi sulla producibilità idroelettrica e la disponibilità delle risorse idriche”.

Il programma della giornata prevede:

9:30       Indirizzi di saluto

Alessandro Padovani, Università degli Studi di Brescia, Prorettore alla Ricerca

Giorgio Bertanza, Università degli Studi di Brescia, Direttore del DICATAM

Roberto Ranzi, Università di Brescia, DICATAM, Responsabile scientifico

               Valter Maggi, Università di Milano Bicocca, Presidente del Comitato Glaciologico

                italiano     

               Giovanni Rocchi, Responsabile O&M Hydro Italy-Northern Area, Enel Green Power

                Italia

9:50        Sergio Maggioni, www.unsuonoinestinzione.eu

Preservare il suono dei ghiacciai alpini

10:10      Gianni Pavan, Università di Pavia

Geofonia e biofonia di un ghiacciaio

10:30      Guido Tattoni, Nuova Accademia di Belle Arti

La pratica artistica come ricerca

10:50      Christian Casarotto, MUSE

La consapevolezza del ritiro glaciale: la voce del ghiacciaio e le nostre parole

11:10       Coffee break

11:30      Claudio Smiraglia, Comitato Glaciologico Italiano

La risposta della criosfera ai cambiamenti climatici

11:50      Carlo Baroni¹, Alberto Carton² e Maria Cristina Salvatore¹

               ¹ Università di Pisa, ²Comitato Glaciologico Italiano

Storia ed evoluzione del Ghiacciaio dell’Adamello, il più esteso ghiacciaio delle Alpi

Italiane

12:10      Roberto Ranzi e Giovanna Grossi, Università di Brescia

Impatti del cambiamento climatico sulla producibilità idroelettrica

Sergio Maggioni, biografia (23/09/1981)

La formazione artistica inizia all’età di 10 anni con lo studio della chitarra elettrica per poi unirlo all’interesse per l’arte figurativa diplomandosi nel 1998 al liceo Artistico di Lovere.

Si trasferisce a Milano per frequentare e laurearsi alla quadriennale alla NABA in Exibit Design.

Tra 2003 e il 2009 lavora per importanti studi di progettazione (Italo Rota studio, Marco della Torre studio) al servizio di musei e artisti internazionali (tra cui Museo del 900, Castello di Rivoli, Vanessa Beecroft, Claes Oldenburg, Mariko Mori).

Parallelamente prosegue l’interesse musicale collaborando a vari progetti con i quali suonerà in tutta Europa ad importanti festival (come Sonar Barcellona, Eurosonic Olanda, Popkomm Berlino).

Nel 2009 firma un contratto editoriale con Sony Music Publishing lavorando come autore e produttore per importanti artisti della musica pop nazionali, producendo dischi e sincronizzazioni per il cinema, la radio e la tv (Universal, Warner, Rai, Sky), acquisendo diverse competenze nell’ambito della produzione in studio di registrazione.

Nel 2015 torna a vivere in Valle Camonica dove fonda il progetto artistico di ricerca NEUNAU.

Il nome è inciso su una roccia in località Loa, luogo di culto dell’età del ferro.

Il progetto si ispira all’approccio archeologico applicato alla ricerca del suono.

Le indagini si sviluppano partendo dai dettagli che una sorgente sonora esprime, catturando ed esplorando i suoni, andandone a scoprire la potenziale musicalità realizzando, tracce audio, docufilm, performance site specific e installazioni, dove il soggetto principale è il suono utilizzato come mezzo per raccontare la storia.

Nel 2020 crea il progetto di ricerca “Un suono in estinzione” che mira a monitorare le implicazioni del cambiamento climatico sui ghiacciai alpini attraverso un’esplorazione artistica e scientifica, in collaborazione con Università, enti e partner.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome