⚫ Dopo l’incidente muore nell’auto in fiamme: Lumezzane piange Riccardo Gobbi

L'ipotesi è che il giovane sia stato colto da un malore mentre era al volante della sua Peugeot 3008 a cambio automatico, che avrebbe poi preso fuoco per surriscaldamento

0
Foto generica da Pixabay

Tragedia, nella giornata di ieri, a Lumezzane. Un 29enne, infatti, ha perso la vita nel rogo della propria auto dopo un incidente e, forse, un malore. La vittima è Riccardo Gobbi, figlio di un noto imprenditore del paese e storico presidente della Croce bianca locale.

L’incidente è avvenuto all’alba, in via Divisione Acqui, e a chiamare i soccorsi – intorno alle 6 di mattina – è stato un passante. I Vigili del fuoco sono arrivati prontamente sul posto, ma non hanno potuto fare altro che spegnere le fiamme ed estrarre il corpo senza vita del giovane.

Sul posto anche ambulanze e i carabinieri della compagnia di Gardone Valtrompia. Al momento sono escluse le ipotesi del delitto e del gesto deliberato. L’ipotesi è che il giovane sia stato colto da un malore mentre era al volante della sua Peugeot 3008 a cambio automatico, che avrebbe poi preso fuoco per surriscaldamento. A dire come è andata sarà comunque l’autopsia disposta dal magistrato di turno.


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome