🔴 Matrimonio combinato in Pakistan per la figlia, genitori a processo: condannati a cinque anni per maltrattamenti

La vicenda si era aperta circa tre anni fa, quando la giovane era riuscita ad allontanarsi da casa e a sporgere denuncia. Insieme alle tre sorelle più piccole, quindi, era stata collocata in una struttura protetta

0
foto generica da Pixabay

Cinque anni di carcere. E’ questa la condanna che il Tribunale di Brescia ha comminato a una coppia di pakistani, finiti sul banco degli imputati per maltrattamenti che – stando all’accusa – sarebbero stati legati al fatto di aver cercato di imporre alla figlia 24enne un matrimonio combinato in patria.

La vicenda si era aperta circa tre anni fa, quando la giovane era riuscita ad allontanarsi da casa e a sporgere denuncia. Insieme alle tre sorelle più piccole, quindi, era stata collocata in una struttura protetta.

Stando a quanto denunciato dalla 24enne, i genitori – condannati per maltrattamenti e lesioni, ma assolti per tentata induzione al matrimonio – le impedivano di vivere all’occidentale e le avrebbero usato violenza fisica e psicologa, arrivando a minacciarla di fare la fine di Sana Cheema. Il fratello della giovane è stato condannato a cinque anni e un mese per maltrattamenti.

>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome