🔴 Brescia, l’aria resta malata: nel 2022 ben 57 giorni oltre il limite

Dei dodici capoluoghi regionali - stando ai numeri - sono ben otto quelli che hanno superato i 35 giorni di sforamento della soglia di 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili

0
foto generica da Pixabay

La peggiore è Milano. Poi seguono Cremona e Mantova. Ma Brescia non è messa bene. A dirlo è il nuovo report elaborato da Legambiente, sulla base dei dati Arpa, che fotografa la situazione dell’aria lombarda.

Dei dodici capoluoghi regionali – stando ai numeri – sono ben otto quelli che hanno superato i 35 giorni di sforamento della soglia di 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili. A Milano sono stati ben 81, mentre la leonessa è arrivata a quota 57 (a Cremona 64, a Mantova 62,a Lodi 56, a Monza 55, a Pavia 53 e a Como 37).

La migliore è stata invece Varese, con soli 14 giorni, seguita da Sondrio (17) e Lecco (20), anche se nessuna città lombarda è riuscita a stare sotto gli obiettivi Oms (15 microg/mc).


>>> Clicca qui e ricevi direttamente sul cellulare le news più importanti di Brescia e provincia e le informazioni di servizio (incidenti, allerte sanitarie, traffico e altre informazioni utili) iscrivendoti al nostro canale Telegram <<<

>>> Clicca qui e iscriviti alla nostra newsletter: ogni giorno, dalle 4 di mattina, una e-mail con le ultime notizie pubblicate su Brescia e provincia <<<

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome