La Mille Miglia 2016 parla bresciano: vincono Vesco e Guerini su un’Alfa del 1931

0
Mille Miglia Brescia
Mille Miglia piazza Loggia a Brescia

Era già nell’aria dopo le vittorie di Roma e Parma. La conferma è arrivata: la Mille Miglia 2016 parla bresciano. La corsa più bella del mondo è stata vinta dal rodatissimo duo Andrea Vesco e Andrea Guerini che hanno viaggiato su Alfa Romeo 6C 1750 GS  Zagato del 1931.

E’ dal 2009 che la vittoria non andava in mano a bresciani.

Nella tappa finale, in ritorno a Brescia, le auto storiche si sono fermate a Cremona, Lodi, Monza, Bergamo, Chiari e Gussago, dove hanno fatto pausa pranzo mangiando spiedo.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. si nota , dagli zero commenti , come ai bresciani della milla miglia importi un fico secco…siamo presi da altri problemi ben più gravi che pensare alla mille miglia

  2. effettivamente concordo con il commento precedente…. riconosco il fascino e la bellezza delle auto … ma visti gli esorbitanti costi che i Comuni e la Pubblica Amministrazione (ovvero noi cittadini) PAGHIAMO per far passare la sfilata dei “vari figli di papa brescianotti” effettivamente ripeto stona parecchio oggi. Soprattutto se consideriamo i disagi creati per l chiusura ancora alla mattina delle strade e della viabilita’ cittadina e dei Comuni. C’e’ da considerare anche la marea di Polizia Statale e di Vigili impegnati sul territorio e i dipendenti pubblici … Tanto personale pagato con soldi pubblici e “tolto” da impegni forse piu’ importanti (intendo come pubbliche funzioni) ! Adesso capisco perché ci sono le “lotte mortali” per gestire l’ACI di Brescia. Essa infatti gestisce “la cassa” della 1000miglia! Io sono disoccupata e penserei di fare esattamente al contrario: “vuoi passare dal mio Comune con le tue auto , con la tua manifestazione e tutto il circo???” mi puo’ star bene… ma paghi tu tutta la “giostra”

  3. ma dai per tre giorni che a brescia si respira un aria internazionale, con buon ringraziamento di esercenti e albergatori, il ritorno economico c è ed è innegabile quindi lamentarsi che per un pomeriggio all’anno la viabilità è complicata mi pare una banalità enorme.
    il giro d’italia ha portato analoghi disagi ed indotto pari a 0 e nessuno ha detto nulla, quindi se per voi denigrare un evento che è radicato nella brescianità fate pure, lo trovo molto qualunquista. io che pure lavoro in città mi tengo volentieri i problemi di viabilità una volta all’anno ma mi fa piacere che per tre giorni Brescia sia meta di turisti ed appassionati da ogni parte del mondo!

LEAVE A REPLY