MOSTRAMI UNA MOSTRA/11. Per salvare un “patriarca” ci vuole un’associazione

0
I “Patriarchi della Natura in Italia”, la mostra in Loggia - foto di Enrica Recalcati - www.bsnews.it
I “Patriarchi della Natura in Italia”, la mostra in Loggia - foto di Enrica Recalcati - www.bsnews.it
Bsnews whatsapp

di Enrica Recalcati – L’Associazione “Patriarchi della Natura in Italia” che ha sede a Forlì, si occupa della tutela del patrimonio ambientale e culturale del territorio italiano, proteggendo e catalogando i vecchi alberi esistenti, con particolare attenzione alle specie più rare.

Divulga, informa, promuove e valorizza tutti gli aspetti naturali della cultura rurale, attraverso censimenti, ricerche, pubblicazioni, conferenze, mostre.

Abbiamo l’occasione in questi gironi, fino al 12 marzo, di vederne una.

Bella mostra, in Loggia, fanno gli alberi secolari del nostro patrimonio, attraverso foto e stampe dal fascino fiabesco.  Questo grazie ad una iniziativa promossa in occasione della 15esima edizione della Brescia Art Marathon, patrocinata da Rosa & Associati.

«Un dono alla città per la sua straordinarietà naturalistica e artistica» commenta Gabriele Rosa, patron della maratona che si svolgerà in città, domenica 12 marzo.

Si apre il respiro a pensare e vedere tutto quel fogliame magnifico!

Il faggio di Sonico, l’olmo di Venezia , la quercia canuta di Rogolon, che con i suoi 700 anni la dice lunga sul tempo, il cipresso di San Francesco d’Assisi, piantato 830 anni fa.

Altra “chicca”, non da meno, le tele romagnole stampate a ruggine raffiguranti alcuni “patriarchi” dipinti da Sergio Guidi, accompagnate da frasi e aforismi di Tonino Guerra, scrittore e poeta romagnolo.

La Stamperia Pascucci è un’antica bottega artigiana, che dal 1826, produce pregiatissime tele stampate a mano. La tecnica di stampa è la stessa da sette generazioni: le matrici in legno, impregnate di colore, vengono poggiate sulla stoffa e colpite con un mazzuolo. Così, poco alla volta, tovaglie e tende vengono impresse con motivi ornamentali e floreali del ricco patrimonio della tradizione romagnola.

«Davanti a un albero fiorito fermati e togliti il cappello!» scrive in uno dei suoi famosi aforismi Tonino Guerra, che nella sua Pennabilli ha progettato e realizzato: “ l’Orto dei Frutti Dimenticati ”.  L’ho visto con mio padre, vagando in quel di Romagna fra sapori e arte, un museo cresciuto in uno spazio di terra dimenticato, appartenuto precedentemente a un convento.

E Tonino scrive, sulle tele grecate di ruggine, la sua interpretazione degli alberi “Patriarchi”, con enfasi poetica e passione campanilistica:

“l’olivo che si nutre di musica”, “l’albero con l’ombra magica”, “la quercia di Penelope”, “le mani del gigante”, “il platano sereno”, “il gigante con la corazza”, “il castagno dei cento cavalli”, “il bastone di San Francesco”.

La mostra è aperta fino al 12 marzo dal lunedì al sabato con orario 9 -12; 14 -18.

Rubrica Mostrami una mostra, a cura di Enrica Recalcati. Il meglio sulle esposizioni di Brescia e provincia.
Rubrica Mostrami una mostra, a cura di Enrica Recalcati. Il meglio sulle esposizioni di Brescia e provincia.

LEGGI TUTTE LE PUNTATE DELLA RUBRICA A QUESTO LINK

 

 

 

 

 

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI