Mille Miglia, la corsa riparte da Roma per tornare a Nord

Accolti dalla pioggia ieri sera, sono ripartiti stamattina dalla Capitale sempre sotto l’acqua gli oltre 400 equipaggi della Mille Miglia che chiuderanno stasera la terza tappa davanti al Teatro Regio di Parma

0
Mille Miglia
Mille Miglia

Accolti dalla pioggia ieri sera, sono ripartiti stamattina dalla Capitale sempre sotto l’acqua gli oltre 400 equipaggi della Mille Miglia che chiuderanno stasera la terza tappa davanti al Teatro Regio di Parma. A causa della pioggia si sono verificati diversi ritiri per guasti meccanici. La tappa della in corso di svolgimento attraversa diciotto secoli di storia d’Italia, 4 Regioni e alcuni dei territori piu? belli del nostro Paese. Dopo la seconda tappa, e? tornata in vetta alla classifica provvisoria la coppia bresciana Andrea Vesco e Andrea Guerrini, a bordo di una Alfa Romeo 6C 1750 GS del 1931. Sono incalzati dal vicentino Luca Patron e Massimo Casale che viaggiano su una OM 665 Suberba 2000. In questa lotta a due si inseriscono, piu? distanziati, gli argentini Juan Tonconogy (vincitore di due edizioni della ) e Guillermo Berisso su Bugatti Type 40 del 1927 e i mantovani Giordano Mozzi e Stefania Biacca con una Alfa Romeo 6C 1500 GS Zagato. Al momento ci sono tre equipaggi argentini fra i primi dieci della graduatoria parziale. Tra i favoriti della vigilia, Giuliano Cane? e la moglie Lucia Galliani, vincitori di dieci edizioni della , navigano intorno all’undicesimo posto inseguiti dalla coppia giapponese Kyoto e Junko Takemoto su Bugatti Type 40.

Alessandro e Sebastiano

Le automobili d’epoca si stanno dirigendo verso Nord lungo la dorsale appenninica: il passaggio sul Lago di Vico coincide con la prima prova cronometrata della giornata, per poi raggiungere Viterbo, la citta? dei Due Papi. Gli equipaggi fanno poi rotta verso Montefiascone e Radicofani, nella Val d’Orcia e raggiungono la Toscana con i suoi panorami a tinte accese attraversando, in parata, piazza del Campo a Siena. Si riparte poi tra vallate e montagne toccando Monteriggioni, San Miniato, Montecatini e Pistoia dove e? in programma un’altra prova a tempo. Un’ora di strada tutt’altro che agevole separa l’Abetone da Pavullo nel Frignano, localita? che segna l’ingresso in Emilia-Romagna. Da qui in poi i paesaggi si distendono: Modena e Reggio Emilia sono le ultime due citta? incontrate prima della passerella a Parma, citta? verdiana, dove sosteranno per la notte, prima della partenza verso il traguardo bresciano.

“Un’altra splendida tappa – osserva l’ad di 1000 Miglia Srl Alberto Piantoni – fra scenari da cartolina, resi ancor piu? belli dallo strabordante affetto del pubblico disseminato lungo il percorso. Nel 90esimo della Freccia Rossa non potevamo aspettarci niente di meglio. Ed ora il gioco si fa serio per gli equipaggi che sono qui per contendersi la vittoria. Quella di domani sara? l’ultima e decisiva tappa”.

Domattina le vetture affronteranno gli ultimi 120 chilometri per fare ritorno a Brescia. La cerimonia di premiazione e? prevista per le ore 18.30 in piazza della Loggia.

LA MILLE MIGLIA

La rievocazione della Mille Miglia, la corsa su strada piu? celebre di ogni tempo, si disputa da giovedi? 18 a domenica 21 maggio 2017. Rispettando la tradizione nata nel 1927, il percorso prende il via e termina a Brescia, attraversando in quattro tappe mezza Italia, prima e dopo il giro di boa a Roma. Con la sua capacita? di coniugare tradizione, innovazione, creativita?, eleganza e bellezze paesaggistiche, la Mille Miglia rappresenta un simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo. Dal 2013, la manifestazione e? gestita da 1000 Miglia srl, societa? totalmente partecipata dall’Automobile Club di Brescia che l’ha appositamente creata nel 2012. Presieduta da , affiancato dal vice presidente Franco Gussalli Beretta, 1000 Miglia srl ha chiuso l’ultimo bilancio con un fatturato di 8 milioni di euro e un ebit del 28%.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome