Sala civica a gruppo di estrema destra, è polemica: va negata

E' polemica, a Brescia, per la concessione di una sala civica al gruppo Ordine Futuro, gruppo di estrema destra vicino a Forza Nuova

0
Forza Nuova ha una sede bresciana
Forza Nuova ha una sede bresciana

E’ polemica, a Brescia, per la concessione di una sala civica al gruppo Ordine Futuro, gruppo di estrema destra vicino a Forza Nuova. A opporsi, infatti, sono le forze della sinistra antagonista, ma anche l’Anpi, l’associazione che raccoglie gli ex partigiani bresciani e che chiede di negare l’utilizzo di luoghi pubblici a formazioni politiche al di fuori dei valori costituzionali.

Sulla stessa linea si schiera anche il deputato (ex Sel e Pd) Luigi Lacquaniti, uno dei più attivi su queste tematiche. “Troppo spesso – attacca il parlamentare – si vanno ripetendo nelle nostre città iniziative di chiaro stampo neofascista, incompatibili con i valori della Costituzione Repubblicana antifascista nata dalla Resistenza. Condivido la richiesta venuta da più parti, di approvare regolamenti e delibere che impediscano l’utilizzo di spazi pubblici ad associazioni, gruppi e forze politiche che si richiamano sotto qualsiasi forma al nazifascismo. E che vietino anche l’utilizzo degli spazi pubblici e l’affissione di materiale propagandistico, come accaduto di recente in diversi comuni della provincia di Brescia. Ben conoscendo la sensibilità antifascista dell’Amministrazione di Brescia – conclude Lacquaniti – invito il Comune ad approvare quanto prima un regolamento che vieti l’utilizzo di spazi e luoghi pubblici a chi non si riconosce e non rispetta la nostra Costituzione”.

La polemica segue di poche ore l’annuncio di ronde cittadine da parte di Forza Nuova Brescia.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome