Sentenza del Tar: giusto vietare la piazza ai neofascisti

Per i giudici l'ordinanza del Comune di Brescia non viola il principio di libera espressione: nessuno è autorizzato a propagandare su suolo pubblico idee di terrore e morte

1
Casa Pound a Brescia
Casa Pound a Brescia

E’ giusto vietare la piazza ai neofascisti e a chi non si riconosce nei valori della Costituzione italiana. A decretarlo è stato il Tar, che ha respinto il ricorso del movimento di estrema destra Casa Pound contro l’ordinanza del Comune di Brescia con cui  sono state negate le sale comunali e le aree pubbliche a organizzazioni che si rifiutano di firmare un documento per prendere le distanze da “fascismo, razzismo, antisemitismo e omofobia”. Il provvedimento adottato dalla Loggia a dicembre è stato poi attuato in diverse città italiane, da Milano a Torino. Per i giudici non viola il principio di libera espressione: nessuno è autorizzato a propagandare su suolo pubblico idee di terrore e morte.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome