Incendio al Magazzino 47, la destra: non siamo stati noi

Dopo le polemiche per il banchetto di Forza Nuova al Carmine e le tensioni delle scorse settimane, il rogo al centro sociale rischia di scatenare un'escalation di violenza tra fazioni opposte

10
Il magazzino 47 a Brescia
Il magazzino 47 a Brescia

Si fa sempre più scottante il clima in città tra sinistra antagonista e estrema destra. Dopo le polemiche per il banchetto di Forza Nuova al Carmine e le tensioni delle scorse settimane, infatti, il rogo al Magazzino 47 rischia di scatenare un’escalation di violenza tra fazioni opposte. Al centro sociale, negli scorsi minuti, è arrivata la solidarietà di Leu e Cgil, mentre la destra di Brescia Identitaria smentisce “categoricamente ogni collegamento della nostra azione di solidarietà” verso Massimo Ursino “con l’incendio avvenuto questa notte. Così come respingiamo ogni accusa di collegamento negli episodi denunciati da Radio Onda d’Urto avvenuti alle casette di San Polo e al campo nomadi”.

IL COMMENTO DELLA CGIL

Il rogo doloso avvenuto la scorsa notte al centro sociale – peraltro in modo sinistro ed evocativo nella zona della libreria – preoccupa e crea allarme, ancor più alla luce di recenti episodi simili avvenuti in città (e non solo) nelle ultime settimane. Sappiamo che la violenza è il terreno più fertile nel quale operano i fascisti e sappiamo, lo sottolineiamo con forza, che le risposte a queste azioni non possono che essere di tipo democratico e nell’ambito della legalità, nel solco di una tradizione antifascista che a Brescia già in passato ha avuto modo di esprimersi in modo chiaro e convinto.

Domani, come Camera del Lavoro, parteciperemo con una folta delegazione alla manifestazione nazionale «Mai più fascismi» promossa dalla Cgil insieme a decine di altre associazioni e sindacati. La manifestazione ribadirà con forza che il virus del razzismo, della xenofobia, del fascismo e della violenza non devono trovare ospitalità. Le risposte a tale virus devono essere innanzitutto di carattere culturale e formativo ma – come ricorda l’appello – «richiameremo alle proprie responsabilità tutti i livelli delle Istituzioni affinché si attui pienamente la XII Disposizione della Costituzione (“E` vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”) e si applichino integralmente le leggi Scelba e Mancino che puniscono ogni forma di fascismo e di razzismo».

Chiediamo alle istituzioni impegno per trovare i responsabili di episodi di violenza e responsabilità nel far rispettare la Costituzione, vietando nelle competizioni elettorali la presentazione di liste direttamente o indirettamente legate a organizzazioni, associazioni o partiti che si richiamino al fascismo o al nazismo, come sostanzialmente previsto dagli attuali regolamenti ma non sempre applicato, come dimostra la presenza di talune forze politiche nell’attuale competizione elettorale in corso. Una campagna elettorale, peraltro, già di suo piuttosto brutta, povera di contenuti e specchio di una politica incapace di dare risposte adeguate su lavoro, disuguaglianza, crescita e innovazione anche sociale del Paese. Che si faccia almeno il possibile per evitare che ci sia una coda velenosa di violenza: un appello che rivolgiamo a tutti, ognuno nel suo ruolo, e alle istituzioni.

IL COMUNICATO DI LIBERI E UGUALI

L’On. Giuseppe Civati, candidato al collegio plurinominale della Camera per Brescia, per conto di Liberi e Uguali:

Questa notte è stato compito il Magazzino 47 a Brescia. I giornali locali scrivono: “Nuovo allarmante episodio dopo il rogo al campo nomadi di via Orzinuovi” e aggiungerei, le bombe carta contro le casette di via Gatti. Nelle stesse ore è comparso, in pieno centro, uno striscione di Brescia identitaria, la sigla che raggruppa tutta l’ultradestra della zona, che suona come una inquietante rivendicazione.

Il “rogo” è stato appiccato ai libri, con gesto altamente evocativo di un passato di violenza e di sopraffazione che alcune organizzazioni vogliono far tornare in questo Paese, in particolare in una città, come Brescia, che più di altre nel Dopoguerra è stata colpita dalla delirante e brutale violenza terroristica di stampo fascista.

Esprimo a nome di Liberi e Uguali la nostra solidarietà al Magazzino 47 e la preoccupazione per il continuo ripetersi di questi episodi, a centinaia, tra pestaggi, violenze di strada, intimidazioni da parte di chi predica odio e lo pratica, in perfetta coerenza con l’apologia del fascismo che la nostra Costituzione vieta esplicitamente e che la Repubblica dovrebbe far rispettare.

Il ministro dell’Interno ieri sera in tv spiegava che va messo in atto un “percorso” di “tranquilla fermezza”: per ora abbiamo visto molta “tranquillità” e pochissima “fermezza” contro organizzazioni che – loro sì – si stanno strutturando  in un “percorso” che prevede una vera escalation di violenza che rischia di diventare incontenibile.

Per tutte queste ragioni torniamo a chiedere, da antifascisti e pacifisti, che si interrompa questa spirale e che i responsabili di questi innumerevoli episodi siano consegnati alla giustizia e sciolte le loro organizzazioni, contrarie alla legge e avversarie non di questa o quella parte politica, ma di tutta la Repubblica Italiana.

On. Giuseppe Civati
Tutti i candidati brescia di Liberi e Uguali
Il coordinamento provinciale di Leu Brescia
Gli iscritti e i simpatizzanti di Leu Brescia

Comments

comments

10 Commenti

    • Si sa solo un fatto: l’incendio è stato appiccato da qualcuno. Incidentalmente o deliberamente ?. Poi, per carità, volendo, ma questo sorridendo, si può anche credere nell’autocombustione o magari nell'”autoincendio” innescato dagli stessi frequentatori di Magazzino 47…

      • Oppure potrebbero essere stati quei pacifisti in astinenza e in fase di lapsus e confusione mentale. Pacifisti che, quando credono di essere in sè, intervengono solo quando a subire violenza sono gli autonomi, non quando, per esempio, questi elementi tirano un estintore ad un poliziotto, oppure picchiano leghisti o gente del centro destra o distruggono i loro gazebi. Una delle tante forme di pacifismo a senso unico….

  1. Quando oggi, al Magazzino 47 dove mi sono recato per esprimere, come molti han fatto, anche la mia solidarietà antifascista ed antirazzista anche come presidente della Direzione regionale del PD, sono entrato ed ho visto i libri bruciati a terra mi è venuto più d’un brivido. Immediata ed inquietante l’associazione di idee al “rogo dei libri” dei nazisti ed il ricordo terribile della frase premonitrice del poeta Heine, scritta nell’800 ed incisa su un monumento di Berlino: quando i libri verranno bruciati, alla fine verranno bruciate anche le persone. Tutto, e subito, l’impegno democratico per non sottovalutare e non dover rivivere neppure l’ombra cupa di quel dramma.

    • La conferma da parte di chi indaga che si tratta di incendio doloso lascia pochi dubbi sulla matrice e le intenzioni dei delinquenti che l’hanno messo in atto. Oltre a quanto cita Bragaglio, vado con la memoria anche ai roghi di libri contestualmente ai colpi di stato militari in Cile ed in Argentina negli anni Settanta. Non è minimizzando episodi come quello che commentiamo che si fa un buon servizio alla convivenza civile e al rispetto delle regole democratiche. Condanna invece durissima e massima allerta perchè ci si potrebbe pentire di aver lasciato spazio e voce alla destra d’ispirazione fascista o nazista come sta in effetti accadend da più parti in Italia e pure a Brescia.

  2. Massima allerta anche a tutte le biblioteche pubbliche e private e a tutte le sedi di partiti e movimenti di sinistra e centrosinistra, dunque….

    • Allerta anche per sedi di partiti di centrodestra, a meno che qualcuno dia per scontato che il centrodestra attuale strizzi invece l’occhio a neofascisti e neonazisti: chiederei un parere in merito a Salvini e alla Meloni, che almeno su Mussolini sono d’accordo nel dire che ha “fatto tante cose buone”, magari anche le leggi razziali e soprattutto mezzo milione di italiani morti solo nel secondo conflitto mondiale.

      • Oh, adesso si ragiona… Allerta per tutti. Peró, a questo punto, finiamo il ragionamento fino in fondo e diciamo no a tutti gli estremismi, compresi quelli di sinistra di cui magazzino 47 fa parte e, nel passato recente e remoto ha saputo dimostrare in termini di violenza…. O quello è pacifismo?

        • Temo che si stia automaticamente omologando come estremisti di sinistra anche: antagonisti di centri sociali, autonomi, anarchici, black bloc, No-Tav e gruppi affini. E’ sicuro, soprattutto sui diversi metodi violenti o non violenti che vengono messi in atto dai gruppi citati ? O magari invece ci sono dei pacifisti tra i militanti di Forza Nuova o di Casa Pound ?

          • Gli autonomi di magazzino 47 non hanno mai usato violenza e, durante le loro manifestazioni, non sono mai state impiegate le forze dell’ordine?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome