Traffico di droga, la baita di montagna diventa base di spaccio

Ammonta a 400.000 euro il valore delle 1.100 cessioni accertate per un totale di 2 chili di cocaina e 6 di hashish e marijuana immessi sul mercato

0
carabinieri
carabinieri

Da baita di montagna, luogo di relax, a base di un giro di spaccio di stupefacenti che avveniva sulla piazza di Brescia. Una ventina le persone coinvolte nell’operazione «Judicarien», condotta dal Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia carabinieri di Riva del Garda.

Guidati dal comandante Capodiferro, i militari hanno smantellato un traffico illecito che ha portato non solo al sequestro di 1.000 euro in contanti e più di un chilo di sostanze stupefacenti, ma anche a 10 ordinanze di custodia cautelare, 7 persone in carcere e 3 agli arresti domiciliari.

Come riferisce il Giornale di Brescia, ammonta a 400.000 euro il valore delle 1.100 cessioni accertate per un totale di 2 chili di cocaina e 6 di hashish e marijuana immessi sul mercato.

Dalle indagini è emerso che a gestire lo spaccio al dettaglio era una coppia composta da un uomo di 55 anni originario del padovano ma residente in Valdaone, e la compagna bresciana, di 45 anni, residente a Tione. I due erano affiancati da altri cinque soggetti, tutti di Tione: due uomini di 29 anni, due giovani di 21 e 18 anni e un altro uomo di 48 anni.

Per raggiungere la baita del 55enne e percorrere un fondo ghiacciato, i carabinieri hanno dovuto far ricorso al supporto dei vigili del fuoco.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome