Una passeggiata domenicale alle cascate di Monticelli | AMO BRESCIA/4

Pubblichiamo una breve guida per una passeggiata domenicale alle cascate di Monticelli, con i percorsi, i consigli per il "viaggio", qualche immagine scattata dai giornalisti della nostra redazione e altre informazioni utili

0
Cascate di Monticelli Brusati, foto BsNews.it
Cascate di Monticelli Brusati, foto BsNews.it

I franciacortini forse ne han sentito parlare. Ma la maggioranza dei bresciani non sa nemmeno della loro esistenza. Parliamo delle cascate di Monticelli Brusati, una delle attrazioni naturalistiche più interessanti della . Una gita semplice (certo, non da fare con la nonna…) per cui bastano un paio d’ore in un assolato pomeriggio estivo.

Di seguito pubblichiamo una breve guida per una passeggiata domenicale alle cascate di Monticelli, con i percorsi, i consigli per il “viaggio”, qualche immagine scattata dai giornalisti della nostra redazione e altre informazioni utili.

Se invece cercate altro consultate le nostre guide sulla passeggiata al lago Moro e quella al santuario degli alpini di Cellatica.

COME ARRIVARE ALLE CASCATE DI MONTICELLI?

Il punto d’arrivo è la località Gaina: da lì, in pochi passi, ci si trova nella passeggiata che porta alle cascate di Monticelli. Ma prima bisogna parcheggiare l’auto e a ridosso del sentiero non ci sono posti auto liberi. Dunque bisogna posteggiare prima di Gaina, in uno dei numerosi parcheggi pubblici, e proseguire a piedi.

Gaina, frazione di Monticelli Brusati, foto BsNews.it
Gaina, frazione di Monticelli Brusati, foto BsNews.it

I parcheggi nella zona sono comunque numerosi. Due, come si vede nella mappa, sono nella zona del cimitero, mentre altri tre li trovate lungo via Foina. Da lì inizia una breve salita che porta a Gaina.

La mappa dei parcheggi per le cascate di Monticelli Brusati
La mappa dei parcheggi per le cascate di Monticelli Brusati

IL PERCORSO FACILE E QUELLO AVVENTUROSO

Dalla piazzetta principale della frazione Gaina inizia il sentiero che porta alle cascate di Monticelli: non vi potete sbagliare e ad accogliervi all’ingresso troverete anche una bella fontanella con acqua fresca (una seconda è collocata un centinaio di metri più avanti).

La piazzetta in cui inizia il percorso delle cascate di Monticelli Brusati
La piazzetta in cui inizia il percorso delle cascate di Monticelli Brusati

Il primo tratto attraversa il piccolo borgo, poi ci si addentra immediatamente in mezzo alla natura e il percorso inizia (lentamente) a scendere verso le cascate. In prossimità delle cascate il percorso si divide in due tronconi collegati tra loro (A e B), ma con diverse difficoltà. La segnaletica non è di immediata visione, ma per distinguerli non ci vuole molto: quando arrivate al fiumiciattolo se salite state imboccando il sentiero A, se invece proseguite lungo il torrente avete scelto il B.

CASCATE DI MONTICELLI: IL SENTIERO A

Il sentiero A – leggermente sopraelevato – è quello facilmente percorribile da parte delle famiglie e dai bambini: non ci sono particolari ostacoli ed è adatto a chiunque, ma bisogna comunque prestare attenzione perché il rischio di scivolare – soprattutto se ha piovuto nei giorni precedenti – è forte e il percorso non è protetto a valle. Per tanto se ne sconsiglia l’accesso a chi non deambula perfettamente. Il percorso A si può percorrere tranquillamente in meno di due ore, concedendosi anche il lusso di qualche sosta per riposare nelle aree attrezzate con tavolini. Quasi tutto il tratto è all’interno del bosco, dunque al riparo dal sole.

Uno dei primi punti in cui si incontra il torrente, prima del bivio del sentiero A e B
Uno dei primi punti in cui si incontra il torrente, prima del bivio del sentiero A e B, foto BsNews.it

CASCATE DI MONTICELLI: IL SENTIERO B

Il sentiero B è quello più suggestivo e complicato, ma è comunque fattibile anche da ragazzini accompagnati dai genitori. Per affrontarlo si consiglia vivamente di indossare almeno scarponcini da montagna e altra attrezzatura base, ma va comunque detto che quando lo farete troverete numerose altre persone che lo percorrono con ogni tipo di scarpe (esclusi, ovviamente, i tacchi…).

Arrivati alla prima cascata, che si affaccia su uno slargo con una piccola grotta, inizia la parte difficile con una scala in ferro che si arrampica per una decina di metri. Ovviamente non è adatta a tutti e se non siete in grado di affrontarla il consiglio è di continuare sul percorso A.

Cascate di Monticelli Brusati, foto BsNews.it
Cascate di Monticelli Brusati, foto BsNews.it

Da lì si cammina di fatto nell’alveo del torrente (l’acqua è profonda al massimo poche decine centimetri), ma in alciuni punti ci si deve aiutare con catene e staffe oppure andare a guado. Il percorso si conclude con una seconda cascata e una seconda scala (meno alta della precedente): da lì è comunque possibile tornare indietro seguendo il percorso A, adatto a tutti.

CASCATE DI MONTICELLI, LA MAPPA NAVIGABILE

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome