Omicidio Souad, l’ex marito chiede di essere scarcerato

La domanda si basa su due semplici principi: mancano il cadavere e l'arma del delitto. Ma le prove a suo carico sono pesanti

0
Souad Allou, foto da Facebook
Souad Alloumi foto da Facebook

Il marito di , la 29enne marocchina sparita di casa nella notte del 4 giugno, ha chiesto al Tribunale del riesame di essere scarcerato. La domanda è stata presentata nelle scorse ore dal suo avvocato e si basa su due semplici principi: mancano il cadavere e l’arma del delitto.

I SOSPETTI SUL MARITO DI SOUAD

In verità, però, a incastrare l’uomo – che continua a proclamarsi innocente – ci sono le telecamere di sorveglianza del bar Le Rose di via Milano, in città, che riprendono la donna entrare in casa e non la “vedono” mai più uscire. Ad andarsene, invece, è stato l’ex marito – con una causa di separazione in corso e diverse denunce da parte della donna – che è stato inquadrato dagli occhi elettronici alle 4.47 di notte mentre caricava un pesantissimo borsone nero nel baule dell’auto.

Poi il 50enne è tornato a casa, a Seniga, ma il tragitto è durato tre ore più del previsto. Gli investigatori sono certi che in questo lasso di tempo l’uomo abbia fatto sparire il corpo: un’azione premeditata e dettata dalla gelosia, come dimostrerebbe anche il fatto che l’uomo avrebbe annunciato ai due figli minori (due e nove anni) un imminente allontanamento di mamma da casa.

Per questo l’uomo è stato incarcerato nel Carcere di Canton Mombello in attesa del giudizio. Mentre i figli sono stati affidati a una comunità protetta. Nel frattempo continuano le ricerche del corpo della sventurata giovane.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome