Nel Bresciano sempre più bancomat senza soldi: tutta colpa dei botti

Sono sempre più numerosi gli sportelli che a fianco del terminale per il prelievo mostrano un cartello in cui si indica che il contante contenuto è stato contingentato

0
Bancomat esploso
Bancomat esploso

I bresciani restano senza soldi e la colpa è dei troppi colpi che si stanno verificando nella provincia. Sono sempre più numerosi, infatti, gli sportelli che a fianco del terminale per il prelievo mostrano un cartello in cui si indica che il contante contenuto è stato contingentato a causa dei numerosi colpi, che – oltre a provocare un grave danno agli istituti di credito – mettono in pericolo l’incolumità dei residenti della zona (spesso i malviventi agiscono con il supporto di esplosivo).

E’ il caso – solo per fare alcuni esempi – dello sportello bancario (Bcc Garda) attivo al centro fiera di Montichiari, ma anche di quello del Credito Cooperativo di Brescia collocato all’inizio di via Filzi, a Brescia. Oppure, ancora, dell’unico bancomat (Btl) attivo nel piccolo Comune di Roccafranca, in piazza Europa, di cui racconta l’edizione di ieri Bresciaoggi. In tutti il cartello è ben visibile. Ma molte bresciane hanno adottato la stessa linea senza esporre cartelli esplicativi. Una decisione che si sta allargando a macchia d’olio e per cui non mancano le proteste per le ricadute sul commercio e sulle attività locali: soprattutto nei centri più piccoli, quelli mono-sportello, in cui l’assenza o le limitazioni al contante costituiscono un grave danno per il commercio locale.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome