Omicidio Manuela Bailo, il pm chiude le indagini

La 35enne di Nave è stata uccisa nel luglio scorso: il suo corpo è poi stato rinvenuto in una vasca di liquami

0
Come è morta Manuela Bailo? La villetta di Ospitaletto in cui è avvenuto l'omicidio
Come è morta Manuela Bailo? La villetta di Ospitaletto in cui è avvenuto l'omicidio

Il sostituto procuratore Francesco Carlo Milanesi ha chiuso le indagini sull’ di Manuela Bailo, la 35enne di Nave uccisa nel luglio scorso e il cui corpo è poi stato rinvenuto in una cascina del Cremonese giorni dopo. 

Per il pm il responsabile della morte di Manuela è Fabrizio Pasini: per lui l’accusa è di omicidio aggravato da premeditazione e occultamento di cadavere.

L’uomo avrebbe, infatti, non soltanto «predisposto per l’esecuzione dell’omicidio i locali dell’abitazione di famiglia», ma si sarebbe anche «assicurato dei tempi di permanenza delle altre persone presenti nella palazzina», garantendosi così tutto il tempo e le possibilità necessarie a portare a termine il suo piano.

La donna sarebbe dunque stata attirata nell’abitazione secondo un programma predefinito, conclusosi poi con l’occultamento del suo corpo, ricoperto di stracci e avvolto in sacchi di plastica prima di essere abbandonato in una vasca di liquami in una cascina.

Dopo aver inizialmente confessato, il 48enne di Ospitaletto ha poi negato di aver ucciso Manuela raccontando di averla solo spinta dalle scale.

La difesa dell’uomo continua a sostenere che lo sgozzamento della 35enne non è stato provato e che manca ancora l’arma del delitto.

Si attende ora la decisione proprio dell’avvocato di Pasini, che potrebbe essere nuovamente interrogato.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome