Caporalato nella distribuzione di volantini: quattro persone nei guai

0
polizia-locale
Polizia locale, foto generica

Un nuovo caso di presunto caporalato in provincia di Brescia è emerso nelle scorse ore. In seguito alle indagini, quattro persone di origini pakistane, residenti tra le province di Brescia e Bergamo, sono state denunciate.

L’operazione è stata condotta dalla di Montichiari. I quattro titolari delle imprese avrebbero sfruttato i propri lavoratori – 14 tra indiani, pakistani, bengalesi e nigeriani – senza garantire loro giuste condizioni di lavoro. I quattordici dipendenti mettevano i volantini dei supermercati nelle cassette della posta delle abitazioni, lavorando anche 10 ore al giorno, guadagnando meno della metà degli 8 euro all’ora previsti e mangiando nel retro del furgone o addirittura a terra. Le accuse mosse verso i titolari sono quelle di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

E’ inoltre emerso che nove lavoratori venivano pagati in nero, quattro venivano pagati con buste paga falsificate e uno era clandestino. Uno dei datori di lavoro è accusato anche di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e l’addetto verrà espulso. I denunciati – se le accuse si riveleranno fondate – dovranno pagare multe da 7mila a 43mila euro per ogni addetto senza contratto.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome