Molotov all’hotel dei profughi, Girelli: condanna deve essere unanime

Il consigliere Pd: mi auguro una condivisione nella condanna della violenza e nel non dimenticare che è del dramma di donne uomini e bambini che occupiamo

0
Gian Antonio Girelli, Pd
Gian Antonio Girelli, Pd

“Mi auguro che la complessa e dovuta necessità di confronto trovi una condivisione nella condanna di violenza, anche solo verbale, e nel non dimenticare che è del dramma di donne uomini e bambini che ci stiamo occupando”, a dirlo è il consigliere regionale del Pd Gianantonio Girelli che commenta così l’episodio della molotov lanciata all’interno di un hotel che dovrebbe ospitare 35 profughi a Vobarno.

“Quanto avvenuto a Vobarno deve suscitare una forte condanna – dice Girelli – Rappresenta la punta di un clima sempre più improntato sullo scontro rispetto ad un tema sempre più delicato che è quello della gestione dei profughi. Se si auspica che al più presto vengano individuati e puniti gli esecutori di un atto così grave, è anche evidente e necessario aprire una seria riflessione sul fenomeno che, nell’occasione in oggetto, ha portato a una inaudita forma di violenza ma che, è inutile nascondere, suscita sempre di più una reazione di intolleranza.

Ripensare in maniera seria i metodi e i numeri dell’accoglienza è indispensabile.Come ha detto il Ministro Minniti: l’accoglienza è tale quando fa i conti con la capacità di integrazione. Serve controllare, come più volte richiesto dall’amministrazione di Vobarno, il rispetto dei protocolli e gli impegni di chi accoglie i profughi che è necessario così come aumentare lo sforzo affinchè le popolazioni locali comprendano il dramma che queste persone vivono e la complessità del fenomeno che abbiamo davanti. Affrontare il tema dell’emergenza profughi significa impegnarsi dai livelli internazionali (Europa) fino al livello locale laddove le persone sono chiamate a vivere e condividere le scelte fatte”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome