Lavoro da casa per una neomamma: inizia la rivoluzione

La dipendente avrà a disposizione un computer e gli strumenti elettronici e digitali necessari per svolgere il proprio lavoro da casa

0

Una grande novità che coniuga la vita familiare con quella professionale.

Il comune di Rezzato ha deciso di intraprendere la sperimentazione di una nuova modalità di lavoro: il telelavoro, ovvero il lavoro a distanza.

L’amministrazione comunale adotterà la nuova formula con una dipendente recentemente rientrata dalla maternità, offrendole così l’opportunità di vivere appieno la vita da mamma, ma non rinunciando ai suoi servizi professionali.

La donna – lo spiega il Giornale di Brescia – avrà a disposizione, in comodato d’uso, un computer e tutti i dispositivi elettronici e digitali necessari per poter svolgere il proprio lavoro da casa e rispettando gli standard professionali richiesti.

Sarà compito della dipendente redigere quotidianamente un report che tenga conto delle ore di lavoro effettive, che dovranno essere compatibili con quanto previsto nel contratto. La donna dovrà comunque essere disponibile obbligatoriamente due ore al giorno per le comunicazioni con i colleghi dell’amministrazione.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome