Sesso per nulla osta, il dipendente della Loggia: sono innocente

Ha negato ogni addebito il dipendente del Comune di Brescia accusato di aver "barattato" il nulla osta all'agibilità degli alloggi (condizione determinante per gli stranieri nella pratica di ricongiungimento familiare) con prestazioni sessuali e denaro

1

Ha negato ogni addebito il dipendente del Comune di Brescia accusato di aver “barattato” il nulla osta all’agibilità degli alloggi (condizione determinante per gli stranieri nella pratica di ricongiungimento familiare) con prestazioni sessuali e denaro.

Il 57enne in forza allo Sportello Edilizia, secondo l’accusa, avrebbe abusato della propria posizione in almeno quattro casi, chiedendo piccole somme di denaro o addirittura sesso – quando aveva di fronte una donna – per il rilascio del documento. A far scattare le indagini – coordinate dal sostituto procuratore Ambrogio Cassiani – era stata una donna etipe, che a inizio febbraio aveva sporto denuncia.

Ma l’uomo, interrogato dal Gip, ha negato ogni responsabilità e si è proclamato completamente innocente. Il suo avvocato ha chiesto gli arresti domiciliari.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome