Inseguì e uccise ladro: condanna confermata per Mirko Franzoni

Nella nottata del 14 dicembre del 2014, aveva inseguito un ladro albanese che si era introdotto nell'abitazione del fratello, quindi gli aveva sparato

0
La sentenza
La sentenza

La Corte d’assise d’appello di Brescia ha accolto le richieste della pubblica accusa. Ieri, infatti, i giudici hanno confermato la condanna a nove anni e quattro mesi di carcere a carico di Mirko Franzoni per omicidio volontario.

Franzoni, nella nottata del 14 dicembre del 2014, aveva inseguito un ladro (l’albanese Eduard Ndoj) che si era introdotto nell’abitazione del fratello, quindi – una volta raggiunto – gli aveva sparato da distanza ravvicinata. Uccidendolo.

Secondo i magistrati – che ci hanno messo quasi cinque ore per decidere – è stato un volontario, non un colpo partito casualmente come il giovane ha sempre affermato. Ora Franzoni, che si trova in stato di libertà, può sperare solo nella Cassazione.

Il caso, lo ricordiamo, aveva suscitato grande clamore mediatico, anche per la decisione della comunità di Serle di schierarsi con Franzoni, chiedendone la liberazione dal carcere dopo l’arresto e raccogliendo fondi per sostenerne le spese legali.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome