Polmonite, l’allarme continua: la media è di 16 casi al giorno

Alcune caratteristiche rendono - purtroppo - il caso bresciano unico, e le risposte sulle cause e l'origine dell'epidemia tardano ad arrivare

0
Analisi di laboratorio
Analisi di laboratorio

Il picco è stato raggiunto e i casi sono in diminuzione. Ma quell che sta colpendo la provincia di Brescia, a partire dalla Bassa bresciana, rimane una delle più gravi epidemie di che hanno colpito l’Europa negli ultimi anni. E non solo per le 750 persone che si sono ammalate e per i diversi morti.

Il calcolo esatto delle persone coinvolte l’ha fatto il quotidiano : la media è di ben 16 casi al giorno dal 25 agosto al 10 ottobre.

POLMONITE E : COSA PREOCCUPA

A preoccupare, ovviamente, sono le dimensioni del contagio. Ma non solo. Alcune caratteristiche rendono – purtroppo – il caso bresciano unico, a partire dall’area circoscritta del contagio (la zona rossa comprende in particolare i Comuni di Carpenedolo, Montichiari, Calvisano, Visano, Isorella, Remedello e Acquafredda, con un 20 per cento dei malati concentrato negli ultimi due), l’incidenza dei casi rispetto a quelli attesi e il fatto che ancora non si trovi il “colpevole” (il batterio della legionella è stata trovato soltanto in un caso su dieci).

LE TORRI DI RAFFREDDAMENTO DELLE AZIENDE

I principali sospettati della diffusione rimangono le torri di raffreddamento delle aziende. L’ ha chiesto ai Comuni di censirle. Ma la sensazione di molti è che le risposte non basteranno a fornire un elemento decisivo per risolvere il giallo. Anche la politica sta sponando le autorità competenti a fare di più: dopo cinquanta giorni è arrivato il momento di passare ai fatti.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome