Lago d’Iseo, pesca di frodo: tre quintali di pesce in una rete

La rete è stata scoperta dalle guardie volontarie provinciali e gli uomini dell'Arci Caccia di Brescia

0
Pesca di frodo
Pesca di frodo

Non è solo la caccia, con il fenomeno del bracconaggio, a far parlare nel bresciano. Anche nel settore della , infatti, si registrano diverse attività illecite o comunque non pienamente confacenti alla normativa.

L’ultimo fenomeno è quello che si è verificato nelle acque del lago d’Iseo dove – come riportano numerose fonti – le guardie volontarie provinciali e gli uomini dell’Arci Caccia di Brescia hanno scoperto una rete alta circa tre metri e lunga un chilometro che andava da Marone all’isola di San Paolo.

Nella rete, che è stata rimossa, erano incastrati tre quintali di pesce. Tante le carcasse della fauna ittica, alcune anche in stato di decomposizione.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome