Legionella, la bomba batteriologica si è formata nel fiume Chiese

Dalle acque del Chiese è esplosa la bomba batteriologica che ha infettato centinaia di persone nella Bassa Bresciana e nella provincia di Mantova

1
Un tratto del fiume Chiese
Un tratto del fiume Chiese

È partito tutto dal : è dalle sue acque che è esplosa la bomba batteriologica che ha infettato centinaia di persone nella Bassa Bresciana e nella provincia di Mantova, provocando anche alcuni decessi. 

A dirlo sono i risultati delle ricerche dell’Istituto superiore di sanità condotte sotto la tutela del Ministero della e diffusi da Bresciaoggi.

Complici le alte temperature e quindi la siccità, il fiume Chiese è divenuto sul finire dell’estate un perfetto ambiente di riproduzione per germi e batteri, poi diffusi nell’aria attraverso le torri di raffreddamento delle aziende che senza saperlo alimentavano i propri impianti con la stessa acqua del Chiese o dei suoi affluenti.

Le ricerche sono state condotte incrociando i dati sui pazienti e sui diversi batteri: così si è potuta trovare una correlazione tra le acque del fiume e il batterio pneumophila sierogruppo 2, isolata a Montichiari, Remedello e Carpenedolo, in quelle aree dove si sono registrati più casi di contagio.

Intanto, per scongiurare il diffondersi di un’altra , sono in arrivo nuove linee guida dal Ministero della salute.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome