Bracconaggio, il fenomeno continua: tre denunce dopo gli ultimi controlli

A finire nei guai un bracconiere che utilizzava gli archetti e due cacciatori che sparavano a specie protette

0
bracconiere

Continuano i controlli da parte della Provinciale per contrastare il fenomeno del bracconaggio. Nelle scorse ore tre persone sono infatti state denunciate.

Il primo caso – riportato dal quotidiano – è quello di Gardone Valtrompia dove gli agenti, grazie a uno specifico appostamento, hanno scoperto un 65enne con un centinaio di archetti (le trappole più crudeli che dopo ore di agonia fanno morire gli uccelli a testa in giù e con le zampe rotte) che gli avevano consentito di catturare 164 pettirossi. Il bracconiere è così stato denunciato per uccellagione e furto aggravato.

Il secondo e il terzo caso riguardano invece due cacciatori, uno scoperto a Capovalle e uno a Marmentino, che sono stati scoperti mentre sparavano a delle specie protette come peppole, fringuelli, scriccioli e passere scopaiole utilizzando richiami elettroacustici illegali per attirare le prede. I poliziotti hanno quindi agito recuperando e spedendo gli uccelli al Centro per il recupero della fauna selvatica di Valpredina, in provincia di Bergamo. In seguito hanno sequestrato due fucile e le relative cartucce, denunciando poi i due cacciatori con le accuse di uccellagione, furto, maltrattamento di animali e abbattimento di specie protette.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome