🔴 Omicidio Bani, se la notifica dell’udienza ritarda l’assassino torna libero?

Il tunisino l'uomo potrebbe tornare a essere libero a causa delle difficoltà nella consegna della notifica dell'udienza in Cassazione

0
La palazzolese Daniela-Bani con il marito killer Chaanbi Mootaz.jpg
La palazzolese Daniela-Bani con il marito killer Chaanbi Mootaz.jpg

Potrebbe tornare in libertà Chaambi Mootaz, l’uomo arrestato e condannato a 30 anni per l’ della moglie Daniela Bani, uccisa con 39 coltellate a Palazzolo sull’Oglio nel 2014.

Il 38enne tunisino, arrestato nel suo paese dopo oltre quattro anni di latitanza, è ora in a Tunisi; l’estradizione è stata negata e l’uomo, in attesa dell’udienza in Cassazione, che era stata fissata al 10 giugno grazie ad un interessamento del Procuratore Generale Dell’Osso, potrebbe tornare a essere libero a causa delle difficoltà nella consegna della notifica, che secondo quanto si apprende potrebbe avere tempi «non inferiori ai sei mesi».

Il Procuratore Generale Dell’Osso si è nuovamente interessato al caso per scongiurare l’ipotesi di una scarcerazione del tunisino, che è già stato condannato in primo e secondo grado ed è stato arrestato grazie ad un mandato di cattura internazionale. 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome